Malattie dell'adulto: una panoramica

Chiedi al tuo medico cosa fare per le seguenti malattie.

La varicella si diffonde facilmente nell’aria quando una persona infettata tossisce o starnutisce. La varicella provoca un’eruzione cutanea con vesciche pruriginose. La malattia si può diffondere anche toccando il liquido rilasciato dalle vesciche. I disturbi possono includere mal di testa, febbre, disagio generale ed eruzione cutanea pruriginosa. Tra i problemi che possono insorgere vi sono infezione delle vesciche e raramente, infezione dei polmoni e gonfiore del cervello.

La difterite inizialmente si manifesta con mal di gola accompagnato da una febbre moderata. Successivamente, si forma un ispessimento sulla parte posteriore del naso o della gola che provoca dei problemi di respirazione e deglutizione. Può anche creare problemi al cuore e ai nervi.

L’epatite A è una malattia del fegato causata dal virus dell’epatite A. Si diffonde tramite il cibo o l’acqua contenente il virus oppure mettendo in bocca oggetti in cui il virus è presente. Può provocare febbre, stanchezza, mal di stomaco, perdita dell’appetito e una colorazione gialla della pelle o degli occhi.

L’epatite B è una malattia del fegato causata dal virus dell’epatite B. Si diffonde tramite il sangue e altri liquidi corporei. Può provocare perdita dell’appetito, febbre, stanchezza, dolori ai muscoli o alle articolazioni, mal di stomaco e una colorazione gialla della pelle o degli occhi. Può causare danni al fegato, tra cui il tumore.

Il papillomavirus umano (Human Papillomavirus, HPV) è un virus estremamente diffuso che infetta numerose persone. L’esposizione si verifica in occasione di qualsiasi tipo di contatto con gli organi genitali di una persona infetta da HPV. Nella maggior parte dei casi, l’HPV non dà segni o sintomi e guarisce spontaneamente. Nei casi in cui non vi sia guarigione da certi tipi, l’HPV potrebbe causare l’insorgenza di tumore cervicale nelle donne e di tumore anale sia nelle donne che negli uomini. Sempre in ambo i sessi, altri tipi potrebbero causare l’insorgenza di verruche genitali.

L’influenza è una malattia che coinvolge naso, gola e polmoni, causata da virus che si diffondono quando persone infette tossiscono o starnutiscono. I sintomi comuni includono febbre, tosse, mal di gola, mal di testa, dolori muscolari e stanchezza. L’influenza può portare alla polmonite e alla disidratazione.

Il morbillo si diffonde facilmente quando una persona infetta tossisce o starnutisce. Può provocare febbre, tosse, naso che cola e occhi lacrimosi. Tra le complicazioni vi sono infezioni all’orecchio, ai polmoni e al cervello. Anche se raramente, possono verificarsi danni permanenti al cervello o il decesso.

L’infezione da meningococco (meningite) provoca il gonfiore nell’area intorno al cervello. Alcuni tipi si diffondono per stretto contatto (ad esempio baciandosi) con una persona infetta. I pazienti possono manifestare febbre, eruzione cutanea, mal di testa e torcicollo.

Gli orecchioni si diffondono facilmente quando una persona infetta tossisce o starnutisce. Possono provocare febbre, mal di testa, dolore muscolare e ingrossamento delle ghiandole sotto le orecchie e le mandibole. L’infezione può anche provocare ingrossamento nell’area intorno al cervello e perdita dell’udito.

La pertosse (tosse convulsa) è un’infezione dei polmoni che inizia con naso chiuso o che cola, starnuti e lieve tosse. La tosse evolve in attacchi che rendono difficile respirare, mangiare, bere o dormire. La tosse convulsa si diffonde facilmente per via aerea quando una persona infetta respira, tossisce o starnutisce.

L’infezione da pneumococco è causata dalla presenza di batteri nel naso e nella gola e può diffondersi quando persone infette starnutiscono o tossiscono. I tipi comuni includono infezione dei polmoni, del sangue, del cervello e del midollo spinale. I sintomi variano in base alla parte del corpo che è stata infettata.

La rosolia (morbillo tedesco) si diffonde quando una persona infetta tossisce o starnutisce. Può causare febbre ed eruzione cutanea che dura per 2-3 giorni. Può, inoltre, provocare ingrossamento delle ghiandole, sintomi simil-influenzali e dolore alle articolazioni. Durante la gravidanza, può causare malformazioni congenite nel bambino.

Il Fuoco di Sant'Antonio (Herpes Zoster) è un’eruzione cutanea dolorosa che si sviluppa su un lato della faccia o del corpo e che è causata dal virus Zoster della varicella (Varicella Zoster Virus, VZV). Spesso avverte dolore, prurito o indolenzimento nell’area in cui si sviluppa l’eruzione cutanea dove, poi, si formano delle vesciche. In alcune persone il dolore può durare per molti anni.

Il tetano (trisma) si introduce nel corpo attraverso un taglio o una ferita. Può provocare dolorosi spasmi muscolari, l’incapacità di aprire la bocca (trisma) e difficoltà a inghiottire.