In quale modo il medico verifica se soffri di insonnia?

Non esistono test certi per l’insonnia. I medici utilizzano diversi strumenti per diagnosticare e valutare i sintomi dell’insonnia, alcuni dei quali sono porre domande al paziente in ambulatorio, fargli compilare diari e farlo rispondere a questionari, sottoporlo a determinate analisi del sangue o effettuare uno studio del suo sonno durante la notte. Tutti questi esami consentono al medico di capire l' esperienza dell’insonnia del paziente e creare il piano di cura giusto.

Diario del sonno: può aiutare a tenere traccia delle informazioni sul tuo sonno. In un diario del sonno devi annotare informazioni quali l’ora in cui vai dormire, l’ora in cui ti svegli, quanto ti senti assonnato in diversi orari del giorno e altri dettagli. Un diario del sonno può consentire al tuo medico di individuare cosa può causare l’insonnia.

Inventario del sonno: un ampio questionario che consente di raccogliere informazioni sulla tua salute, anamnesi e modelli di sonno.

Analisi del sangue: il medico può eseguire alcune analisi del sangue per verificare le condizioni mediche, ad esempio problemi della tiroide, che possono provocare i disturbi del sonno in alcune persone.

Studio del sonno: il medico può consigliare di sottoporti a uno studio del sonno durante la notte, un esame non invasivo chiamato anche polisonnografia, per raccogliere informazioni sul tuo sonno. In questo esame, devi dormire in un laboratorio allestito con un comodo letto. Durante l’esame, rimarrai collegato a un EEG, il quale monitorerà le fasi del tuo sonno. Uno studio del sonno misura inoltre fattori quali i livelli di ossigeno nel corpo, i movimenti del corpo e i ritmi del cuore e del respiro.