Diabete e alimentazione

Il pensiero di alimentarsi in modo sano può sembrare qualcosa di molto complesso da gestire. Invece, con moderazione, è possibile assaporare molti dei propri piatti preferiti. Il medico e/o il dietologo possono aiutarti a formulare un piano alimentare ad hoc per il diabete.

Un piano alimentare ad hoc per il diabete è una guida per mangiare in modo più sano. È personalizzato e ti consente di scegliere il cibo che desideri mangiare. Non esiste uno stile alimentare adatto a tutte le persone che soffrono di diabete. Perciò un piano alimentare ad hoc può aiutarti a gestire:

  • Glicemia (livello di glucosio)
  • Pressione arteriosa
  • Colesterolo
  • Peso

Seguire un piano alimentare sano, che includa il controllo delle porzioni, può aiutare a controllare la glicemia

L’American Diabetes Association (ADA) propone queste linee guida per l’alimentazione ad hoc per il diabete:

Frutta e verdura

Mangiare molta frutta, come mele, frutti di bosco, banane e uva. Evitare qualsiasi frutto a cui si potrebbe essere allergici.

Mangiare verdure che non contengono amido, come lattuga, spinaci, pomodori e broccoli.

Cereali integrali

I cereali integrali sono più sani perché non sono stati raffinati. Se si mangia il riso, assicurarsi che sia integrale. Se si mangia la pasta, scegliere la pasta integrale.

Pesce e frutti di mare

In genere, il pesce contiene meno grassi e colesterolo della maggior parte delle carni o del pollame. Mangiare pesce 2-3 volte la settimana, ma non i frutti di mare qualora se ne fosse allergici. Evitare i frutti di mare nel caso siano pastellati o fritti.

Latticini

Scegliere latte scremato, yogurt e formaggio senza grassi o poveri di grassi.

Carne magra

Quando si mangia carne di manzo o di maiale, scegliere tagli quali il controfiletto e il filetto di manzo.

Quando si mangia il tacchino o il pollo, togliere la pelle. Scegliere la carne bianca piuttosto della carne rossa. Evitare la carne di pollo o di tacchino nel caso sia pastellata o fritta.

Oli e grassi per cucinare

Quando si cucina, è meglio utilizzare oli liquidi piuttosto che grassi solidi, come il burro. Scegliere oli più ricchi di grassi insaturi, come l’olio di oliva, l’olio di canola e l’olio di girasole. Il medico o il nutrizionista possono dare indicazioni sulla corretta quantità di grassi da introdurre con la dieta.

Liquidi

Bere acqua o altre bevande senza calorie, limitando o evitando le bibite zuccherate. Quest’ultime includono le bevande contenenti saccarosio e sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, che sono altre forme di zuccheri.