Diabete e ictus

In questa sezione vengono fornite informazioni sull’ictus e su come ridurre il rischio di esserne colpiti.

Il diabete aumenta il rischio di ictus

Se hai il diabete, hai maggiori probabilità di avere un ictus o sviluppare una cardiopatia. Infatti, 2 persone che soffrono di diabete su 3 muoiono a causa di ictus o cardiopatie.

Cos’è un ictus?

Un ictus si verifica quando una parte del cervello non riceve più il sangue e i suoi tessuti si danneggiano. Un ictus può far insorgere problemi quali:

  • Immobilità di una parte del corpo (ad esempio un braccio e una gamba); questa condizione viene chiamata “paralisi”
  • Difficoltà a pensare o a parlare
  • Difficoltà a livello emotivo

Quali sono i segnali di avvertimento di un ictus?

I tipici segnali di avvertimento di un ictus si manifestano all’improvviso e possono essere

  • Debolezza o intorpidimento di un lato del corpo
  • Difficoltà a capire o stato confusionale improvviso
  • Difficoltà a parlare
  • Capogiri, perdita di equilibrio o difficoltà a camminare
  • Difficoltà a vedere da uno o da entrambi gli occhi
  • Visione doppia
  • Forte mal di testa

Nel caso manifestassi dei segnali di avvertimento di un ictus, chiama immediatamente il 118. Ricevere subito delle cure può evitare danni permanenti al cervello.

Come posso sapere se sono a rischio di ictus?

Essere diabetico ti espone a questo rischio. Il rischio è anche maggiore se:

  • Soffri di ipertensione
  • Hai livelli di colesterolo anomali
  • Fumi
  • Hai avuto episodi di ictus o mini-ictus (detto anche attacco ischemico transitorio o TIA)
  • Hai familiari che hanno avuto un ictus o dei TIA

Alcuni di questi fattori di rischio non sono modificabili. Tuttavia, curando il diabete e facendo attenzione agli altri fattori di rischio, è possibile diminuire la probabilità di avere un ictus.

Come posso diminuire il rischio di avere un ictus?

Il rischio può essere diminuito tenendo sotto controllo la glicemia, la pressione arteriosa e il colesterolo. Puoi raggiungere questo obiettivo seguendo un piano di alimentazione equilibrato, facendo attività fisica e, se necessario, assumendo dei farmaci. Anche smettere di fumare è importante. Ogni piccola cosa conta.

Chiedi al tuo medico in che modo puoi diminuire il rischio di ictus.