Crollo del caregiver: riconoscerne i segnali e prevenirlo

L’esaurimento fisico, mentale ed emotivo è un’esperienza comune a molti caregiver (forse anche a te) causata dall’assistenza che forniscono. Questa sensazione è quello che gli esperti definiscono crollo del caregiver.

Tra i sintomi del crollo del caregiver si possono annoverare:

  • Occhi che si riempono di lacrime o pianto dirotto
  • Sensazione di inutilità o di disperazione
  • Reazioni eccessive di fronte a piccoli problemi
  • Continua sensazione di stanchezza
  • Allontanamento dalla famiglia e dagli amici
  • Incapacità di rilassarsi
  • Sensazione di rabbia più frequente del solito
  • Perdita della pazienza con la persona assistita

Come evitare il crollo del caregiver:

Vuoi riprenderti dal crollo del caregiver o evitarlo? Ecco alcuni suggerimenti.

Prendi del tempo “per te stesso.” La salute emotiva è importante. Fare qualcosa che aiuta a rilassarsi può risollevare l’umore. Può trattarsi semplicemente di ritagliarsi un momento tranquillo nel corso della giornata. Bisogna, inoltre, continuare a fare le cose che piacciono, ad esempio, gli hobby, come il giardinaggio, o i passatempi preferiti, come ballare o praticare sport.

Fai della tua salute una priorità. Continuare a fare gli abituali controlli medici, fare esercizio fisico quando è possibile, mangiare cibo sano (evitando scivoloni, come la fame nervosa) e dormire a sufficienza. Questi sono 4 provvedimenti che permettono di mantenersi in salute.

Cerca sostegno emotivo. I familiari, gli amici e i gruppi di sostegno per i caregiver sono tutti interlocutori a cui parlare delle proprie sensazioni o frustrazioni. È possibile consultare i gruppi di sostegno per i caregiver presenti nella propria comunità locale. E non dimenticare terapisti e consulenti: potranno fornirti idee su come affrontare il tuo stato d’animo.

Mantieniti informato. L’apprendimento di competenze manuali, come il modo adeguato di aiutare una persona ad andare a letto o ad alzarsi, può contribuire a evitare lesioni o un affaticamento eccessivo che conducono al crollo. I fisioterapisti e i terapisti occupazionali possono rappresentare una risorsa preziosa per ricevere consigli.

Cerca soluzioni che facciano risparmiare tempo. Facendo una piccola ricerca è possibile trovare soluzioni per risparmiare tempo e frustrazioni, in modo che alcune importanti mansioni vengano svolte senza accumulare ulteriore stress. Ad esempio:

  • Cerca un parrucchiere o un servizio di toelettatura per animali domestici che facciano servizio a domicilio.
  • Prova a mettere in pratica questi suggerimenti quando sei al supermercato:
    • Chiedi anticipatamente la piantina del piano del supermercato, consentirà a te o alla persona assistita di risparmiare tempo ed energie durante gli acquisti.
    • Scopri quando il supermercato è meno affollato e fai la spesa in quel momento.
    • Tieni l’elenco dei prodotti da acquistare al supermercato vicino al frigorifero e aggiornarlo man, mano che alcuni finiscono. Meglio ancora se dai l'elenco a un amico, a un vicino o a un familiare: è un modo semplice per farti aiutare.
    • Trova un supermercato vicino a casa che faccia le consegne a domicilio. Potrà comportare un piccolo costo, ma quello che si risparmia in termini di tempo e stress ne fa valere la pena.

Prendi in considerazione l’assistenza di supporto. Tutti i caregiver hanno bisogno di una pausa, di quando in quando, anche se solo per poche ore. Se la persona di cui ti occupi non può essere lasciata sola, puoi ricorrere ai servizi assistenziali di supporto, come l’assistenza sanitaria a domicilio, l’assistenza diurna agli adulti e l’assistenza notturna presso strutture come le case di riposo. Trova i servizi di assistenza di supporto più vicini.